Ian Munsick – White Buffalo cover album

White Buffalo, il secondo album di Ian Munsick profuma di panorami sconfinati ai piedi delle Montagne Rocciose fino a spingersi alle grandi pianure, seguendo il corso dei fiumi attraversando villaggi indiani e imbattendosi in mandrie e cowboys: questo è il Wyoming, dove è cresciuto Ian, questa è la terra che vediamo chiudendo gli occhi ascoltando il brano di apertura From The Horse’s Mouth o River Runs.
In questo lavoro il cantante riesce nell’intento di far conoscere i luoghi in cui è cresciuto, le persone con le quali ha vissuto la sua adolescenza: cowboys e indiani della tribù dei Piedi Neri sono due realtà che molte volte pensiamo agli antipodi ma che nella vita vera hanno molto in comune e a tutt’oggi lottano per preservare il territorio e difenderlo dai danni del progresso. Tutto l’amore per la sua terra traspare nel brano Indian Paintbrush (fiore simbolo dello stato del Wyoming).

In questa raccolta di 18 brani è facile immergersi nelle atmosfere del vecchio West, è bello perdersi nelle praterie infuocate dai raggi del tramonto. Ian Munsick è uno dei pochissimi cantanti country provenienti dal Wyoming: il più famoso è certamente Chris Ledoux che ha fatto della sua carriera un inno al cowboy.
Anche Ian Munsick è riuscito a farsi promotore di queste terre selvagge abitate da uomini e donne forti, pieni di risorse, incrollabili. Un’ode dolcissima alla vita rurale è rappresentata dal brano Long Live Cowgirls in collaborazione con Cody Johnson. Il duo offre una panoramica moderna del western style superando i vari stereotipi dell’immaginario collettivo, guardando oltre le icone inflazionate come John Wayne o i tipici rodei.

More Than Me è dedicata alla moglie Carolyne nonché sua manager, la prima a credere in lui e a lavorare per realizzare il sogno di questo cowboy approdato a Nashville con le idee poco chiare.
Durante il periodo dell’adolescenza Ian insieme a suo padre e ai suoi fratelli aveva dato vita ai Munsick Boys sempre pronti ad esibirsi con un vastissimo repertorio da Bob Wills ai Beatles.
Una volta trasferitosi a Music City il suo intento era di proporre canzoni che parlassero di casa sua, della sua terra, delle sue radici e in questo la moglie ha saputo supportarlo consigliandogli anche di non abbandonare il suo abbigliamento tipico del cowboy così sgargiante ormai diventato insolito tra gli artisti di country moderno.
Il brano Little Man è dedicato a suo figlio Crawford nato nel 2020.

Field Of Dreams è la celebrazione della vita rurale, un racconto semplice nel quale si intrecciano i sogni del popolo coriaceo delle campagne, il tutto impreziosito dalla presenza di Vince Gill.
Non potevano mancare anche alcuni brani leggeri e spiritosi come Barn Burner e Cowshit In The Morning.
White Buffalo
è una vera dichiarazione d’amore allo stato del Wyoming con la quale Ian Munsick è riuscito a dar vita ad un sound moderno costruito su basi classiche: è un album dove non mancano di certo i violini e i banjos ma il tutto è riletto in chiave moderna creando una linea immaginaria dove la tradizione incontra il nuovo, dove il cowboy smette i panni polverosi e consunti per vestirsi di colori vivaci pronto ad incantare i giovani di oggi.

Warner Music Nashville (Traditional Country, 2023)

Gloria Tubino, fonte TLJ, 2024

Ascolta l’album ora